BERLIN, day 1


Non mi sono ancora fatta un'idea di questo posto.
Forse perché rischiare di perdere l'aereo e attraversare il terminal 2 di Malpensa di corsa alle sei del mattino potrebbe non essere considerato esattamente iniziare con il piede giusto, e neanche fare due corse di navetta perché si sbaglia fermata.
Tutti ci scambiano per tedeschi, perché siamo pallidi, biondi e hipster.
E così rifiuto senza volerlo la borsa al supermercato e mi tocca tornare mestamente in ostello con in mano un bagnoschiuma e uno shampoo ANTI SCHUPPEN. 
L'ostello è fichissimo, ha una libreria che fa venire l'acquolina in bocca e un personale che vince il premio hipsteria a mani bassissime.
Fuori piove, ma io sono sotto un piumone bianco con dentro le oche vive.

0 commenti:

Post a Comment