Implosione stanca


Sono arrivata, ho parcheggiato e sono rimasta in macchina ad aspettare che finisse la canzone che stavo ascoltando. Mi piaceva.
Avrei voluto rimanere seduta in macchina fino al mattino. Salire in casa, chiudere gli infissi, accendere l'abat jour e fare finta che fosse ancora notte.

Caramelle non ne voglio più. Paracetamolo da 1000 oppure niente.
Forse un giorno mi scoppierà... cosa? Il cervello? Il cuore? Tutti e due in simultanea?
Voltadvance, vieqquà e fammi due coccole chimiche.

«Tutti i miei pensieri sono incatenati mille miglia da qui»,
cantava una garage band che adesso non esiste più.
Ovunque, tranne che qui.

2 commenti:

Post a Comment