Occidere et redire

//so-fee//

Luglio è bellissimo e rovente, mi brucia i polmoni quando corro.
Ho le clavicole sbucciate, la sinistra mi disegna una rosa insanguinata sul bianco della t-shirt.
Non me ne accorgo.
Piazza Duca D'Aosta riflette il cielo lattiginoso.
Duecento euro per un biglietto interrail per l'Est Europa.
E bagno la testa al mio cane, che sennò si disidrata.
Non dormo quasi più.
Penso tanto. Penso ad Atene. A Venezia, scheggia di vetro nel cuore.
Trovo delle vecchie foto di quando avevo diciotto anni ed eravamo a casa di Sigmund J. e io portavo una camicia blu a scacchi e versavo la vodka nello shaker.
Ce n'è anche una di me e la Michi, riverse nel prato, morte dal ridere.

Luglio col bene che ti voglio, guai a voi se lo scrivete.
Perché io gli voglio bene, a luglio, però non si dice.


0 commenti:

Post a Comment