Taciturnal


I monumenti qui si sciolgono
Le luci della notte ci travolgono ma giusto un po'
È necessario che le cose cambino. Lo stanno già facendo. Ma io sono rimasta zitta e non ho detto che comunque, quando ti piacevano così com'erano, era più che ok e si poteva evitare.
E invece no, non si poteva evitare. Alza il volume.
Mettiamo Gabry Ponte o Gigi D'Agostino o qualche altra cosa inappropriata a volume insostenibile, mettiamo qualche rapper di quelli con i denti d'oro e facciamo vibrare i bicchieri mezzi pieni come in Jurassic Park.
(Che se ci pensi, Jurassic Park era stupendo e Il Mondo Perduto un po' meno)
Però anche un'altra cosa di me non l'ho detta. Che se c'è proprio bisogno io cambio, anche se non l'ho scelto. Anche se sinceramente maggio ha già un po' rotto il cazzo. Mi metto il vestito che sembra quello di Chiara Ferragni, anche se io l'ho pagato quattro euro e novantanove, e vado.
Una cosa non l'ho detta, che i cambiamenti possono farmi paura, ma io non sono lo stesso una cagasotto. La paura si affronta.
Prima che faccia luce noi dove andremo
Come si muove a scatti questa città
Io per te brucio i semafori
Le luci della notte ci travolgono ma giusto un po'
 




0 commenti:

Post a Comment