Frequent flyer


L'altro giorno Amazon mi ha proposto un libro che si intitola "Dormiremo da vecchi". Non so se fosse una presa per il culo o se mi avessero profilata benissimo, comunque l'ho comprato e mi sta pure piacendo.
Leggere in aereo è molto bello. Sul primo volo del mattino, con la luce rosa e arancione, posto finestrino.
Anche nelle case non mie prenotate su airbnb non è male.
Ormai attraverso gli aeroporti come niente. A Malpensa mi ha perquisito un'altra volta la stessa poliziotta, dice che è per il ferretto del reggiseno che suona sempre il metal detector, e magari anche per i piercing. Io le ho detto che la prossima volta prima mi paga da bere.
L'aeroporto di Barcellona ha delle lande desolate in cui non c'è niente, quello di Monaco di Baviera ha dei lunghi corridoi con dei neon colorati e sfrantissimi. Volevo fare un Vine e si è impallato tutto, stavo cadendo dalla scala mobile e mi stava venendo l'epilessia.
Il Charles De Gaulle lo vedo tra una decina di giorni.
E magari riesco a vedere anche Parigi per una notte, e non solo dai finestrini di un taxi.


0 commenti:

Post a Comment