Carmen Sandiego


Sveglia alle quattro del mattino e poi autostrade, aeroporti grandi come scuole elementari di provincia, parcheggi degli autobus battuti dal vento gelido, navette, metropolitana.
Cercavo di parlare in francese anche se non sono capace e dicevo cose come OLALLÀ, TRE TREE COMPLICHÈ. Tu guarda il sonno...
Sono riuscita ad addormentarmi perfino sul sedile scomodo di Ryanair, con la luce accesa e un bambino che piangeva e gli steward che cercavano di vendere cose ogni cinque minuti.
Ho attraversato Parigi, ma non l'ho vista. Solo la punta della torre, nascosta dietro ai palazzi.
Come Carmen Sandiego.
Però lì io ci ritorno.

0 commenti:

Post a Comment