Last days of Summer


Potrebbe essere l'ultima domenica d'estate.
Nessuno l'ha detto davvero ad alta voce, però era un pensiero che avevamo ben chiaro in testa.
Il sole scottava come a luglio, e le docce davanti alla piscina erano come sempre gelate da mozzare il fiato. Ti ci mettevi sotto e rabbrividivi, ridevi e balbettavi che ti avrebbe ucciso, quel freddo che quando ti stendevi sull'asciugamano era già passato.
Le solite cose. Il campo da beach volley, i pettegolezzi, i toast avvolti nella stagnola, i vicini di ombrellone che leggono gli oroscopi, i ghiaccioli che i gusti normali sono sempre finiti e rimangono solo quelli hipster. Però tutto più tranquillo, come rallentato.
Ho iniziato a leggere Pet Sematary. Verso metà mi sono addormentata, e neanche Stephen King ha potuto più nulla contro il sole delle sei.
Io spero che questa non fosse l'ultima domenica d'estate. Ma, se lo sarà, è stata perfetta.


0 commenti:

Post a Comment