Camminare sul filo


«Dentro ogni corpo c'era un paese di cui avevo sempre sentito parlare ma che non avrei mai creduto di poter visitare davvero. Ecco la milza e il cuore e il fegato. All'interno del cranio c'era l'ipotalamo, e le placche e il groviglio dell'Alzheimer. Eppure, quel che più mi stupiva erano le cose che mancavano. Quei corpi giallognoli, depilati e cuoiosi, così diversi dalla mia amica che maneggiava le seghe chirurgiche. Per la prima volta compresi che gli esseri umani sono più del loro corpo. Che l'anima poteva esistere»

Pensavo a quanto sia inaccettabile pensare che forse nessuno ci sta mettendo alla prova, e che i momenti difficili non sono l'upgrade di un videogioco, che probabilmente è solo Sfiga e non ha nessun senso.
Avevo una cosa da dire, ma come sempre lui l'ha detta meglio.

1 commenti:

Post a Comment