Le Vergini Suicide


«Ciò che la mia yia yia non ha mai compreso dell'America è perché tutti fingano di essere felici sempre e comunque»

È sempre stato uno di quei libri che avrei voluto leggere. Lo raccoglievo, leggevo la trama e poi compravo qualcos'altro.
Mi sono decisa giovedì, e sabato era già finito.
Faceva pensare alle albe umide di fine estate, alla vernice bianca che si scrosta e a quel buco pieno di fili sul cruscotto della mia macchina, adesso che il computer di bordo è in riparazione e non fa luce né musica. Quando torno a casa in macchina da sola, la sera tardi, canto. Oppure ascolto il motore.
Credo di aver capito qualcosa di com'ero quando avevo tredici anni e di come mi vedevano i ragazzi a tredici anni.
Però, per fortuna che non li ho più, tredici anni.


0 commenti:

Post a Comment