Rosso Bologna


È successo da subito, da quel primo caffè in una mattina già calda, con i manici della borsa, riempita fino al limite, che mi segavano la spalla. 
Bologna ci ha accolti e noi ci siamo naturalizzati subito.
Ben vengano le magliette stropicciate.
La gente parla di cucina islandese e culture precolombiane.
Era tutto artisti di strada, caldo, cicale, pomeriggi azzurri e arancioni, schiamazzi notturni e luce gialla sotto le volte dei portici.
Al cinema all'aperto di Piazza Maggiore davano un film di Bollywood ambientato sulle Alpi Svizzere.
Insomma, mi è venuta voglia di rileggere "Jack Frusciante è uscito dal gruppo", tutto in un giorno, come la prima volta a 17 anni.

0 commenti:

Post a Comment