I Mondiali di Calcio


Inizia il periodo in cui tutti parlano di calcio, brandendo grafici da completare a penna con i nomi delle squadre che passano le eliminatorie, e di notte le finestre sono aperte, le luci spente e le tivvù accese su campi verdi nelle cucine (perché che le cose importanti succedono in cucina è risaputo).
È una ricorrenza che associo al termometro sopra i 30, all'odore della passata di pomodoro e della moka sul fornello. Un po' casa dei nonni.
Io in Brasile ci sono stata, ed era talmente bello che avevo imparato un po' di portoghese, ma poi l'ho scordato.
È l'unica occasione in cui tollero Caressa.
Quella sera là, nel 2006, aveva detto di guardare chi ci stava seduto di fianco, perché l'avremmo ricordato per sempre: ero in un salone enorme, avevo vicino tante persone che nel giro di un paio di anni sarebbero uscite dalla mia vita. Due non ci sono neanche più.
Però di fianco avevo la mia migliore amica. 


0 commenti:

Post a Comment