IL COMPENDIO DELLE SERIE TV WTF


Questo è un post di denuncia.
Vi chiederete come mai sia tanto informata su certe schifezze.
A mia discolpa, posso dire che è quasi tutto frutto di quegli stati di coma semi cosciente in cui ti chiedi: «Oddio, ma perché sto guardando questa cosa?» ma una forza misteriosa ti impedisce di arrivare al telecomando.
Ho catalogato le peggiori serie TV a memoria d'uomo in base ai loro aspetti più discutibili.
Perché quelle belle che ve le scrivo a fare?

  • Quando c'è un colpo di scena, ti telefonano prima: 666 Park Avenue
Siamo in posa plastica perché siamo un cast promettente.

Cast abbastanza promettente, trama incoraggiante, pilot niente male. Insomma, una serie che sembra il Real Madrid. Perché tutto questo non funziona e alla seconda puntata sembra di vedere la versione poraccissima di American Horror Story?
Non sono riuscita subito a capire cosa non andava, ma chiaramente qualcosa non andava.
Poi mi sono accorta che tutti i turning point erano drammaticamente prevedibili, che riuscivo ad anticipare quasi perfettamente le battute dei dialoghi, e che forse tutte quelle citazioni di Hitchcock non erano citazioni ma scopiazzate di prima categoria.
Questa serie è stata chiusa dopo un'unica stagione. Chissà perché?


  • Buone idee andate in vacca: Revolution
SCUSA, SEI MEJO TE.

Cosa succederebbe se di punto in bianco non funzionasse più niente di elettrico?
E a questa domanda, immaginatevi me con l'hype a mille. Solo che poi... niente.
Attori mediocri, trama che sembra più che altro un tentativo di copiaincollare troppi spunti presi da altre serie apocalittiche, zero suspance, zero emozioni... niente.
Non sono riuscita ad andare oltre il pilot.
Ma magari qualcuno di voi ce l'ha fatta e può dirmi che dopo migliorAHAHAHAHAH.


  • Teen Drama ambientate a scuola, in cui fanno tutto meno che andare a scuola: One Tree Hill, 90210
Altolà al sudore!

Premetto che la recitazione inappropriata degli interpreti di One Tree Hill è stata l'ispirazione di questo post. I protagonisti di One Tree Hill sono fighetti con capigliature discutibili, che passano il tempo a giocare a pallacanestro senza sudare neanche un po'.
In 90210 (che dovrebbe essere uno spin off dell'indimenticato e discusso Beverly Hills 90210 ma in realtà non c'entra niente), le protagoniste sono fighette esaurite che passano i pomeriggi a lamentarsi di quanto sia stressante la scuola, con i piedi calzanti tacchi 15 adagiati sui cuscini di pelle umana di costosissimi divani. Nelle rare occasioni in cui non sono in tale situazione, passano il tempo drinking psicofarmaci from the bottle o investendo barboni indifesi con le loro decappottabili.

No, vabbé, ora sto meglDOVE SONO LE MIE MEDICINE ADRIANNA!!111!

  • Ma tu te la ricordi quella serie là? Ma sì, dai, quella là: Instant Star
Cioè, dai, sono troppo rocchenrol...

Fondamentalmente, Instant Star ha una trama di spessore paragonabile a quello della carta igienica, e credo che tutti gli altri problemi derivino da lì. Specialmente il fatto che la maggior parte della gente che ha visto questa serie l'abbia rimossa dal proprio cervello.
Quando ho cercato di indagare, è saltato fuori che tutti noi nati tra la fine degli anni Ottanta e i primi anni Novanta l'abbiamo vista, ma conserviamo solo ricordi nebulosi di qualcosa che trasmettevano al pomeriggio su Italia1, in cui la una protagonista, caruccia ma petulante, aveva una chitarra.

  • Puoi perderti una stagione intera, ché tanto non cambia niente: Pretty Little Liars, Vampire Diaries
Dress Code: Funeral Party.

Qualcuno potrebbe dire: "proprio come Beautiful", che trovo sia un pippone noiosissimo, ma a cui riconosco una certa dignità. Pretty Little Liars è irrealistico in modo disarmante, e i colpi di scena suscitano più che altro una serie di «Ma perché?». Ho visto qualche sprazzo di prima stagione sei mesi fa; settimana scorsa non so a che stagione fossero, ma la trama era più o meno allo stesso punto.
Vampire Diaries vorrebbe essere True Blood, invece è solo il cugino sfigato di True Blood. Ok, ci sono i vampiri, ok il sangue e il sesso (pronunciatelo come lo pronuncerebbe Rat Man) ma mancano la colonna sonora strafiga e l'ironia di True Blood. Quindi, il plot scorre lento e inesorabile come un ghiacciaio.

No, questo non è True Blood

  • If you wannabe my MILF: Desperate Housewives
Personaggi di un certo spessore.

Il target è quello che ha apprezzato la trilogia delle Cinquanta Sfumature e voleva lasciare il marito alla vigilia del venticinquesimo anniversario perché non ha mai proposto cose esotiche come il bondage.
Forse, questa serie mi fa così schifo perché è stata ideata appositamente per un target di cui non faccio parte. O forse no, ma sulla recitazione vorrei glissare.
Anche se ci tengo a precisare che poche cose sono odiose come la voce narrante e compiaciuta di Desperate Housewives.

  • Il fastidioso moralismo da Canale5: 7th Heaven
Hai fatto una cosa grave, una cosa a cui non si rimedia.

Sono tuttora convinta che in quella famiglia si facessero la doccia vestiti.
Credo anche che continuerò a evitare di chiedermi in che modo i genitori si siano riprodotti così tante volte, ma sono abbastanza sicura che c'entrino i cavoli o le cicogne. Tra l'altro, non era orrendamente inquietante l'espressione facciale della moglie?
Ma soprattutto, Jessica Biel dovrebbe smettere di tirarsela tanto, perché sarà per sempre e comunque la figlia alcolista del Reverendo Camden.

  • Polizieschi caserecci: Pacific Blue, Hawaii 5-0
Sexy.

Una serie ambientata in California che ha per protagonisti dei poliziotti in bicicletta (?) vestiti come i pensionati che votano PDL quando vanno in vacanza in Liguria, con tanto di casco e Lacoste bianca.
E io non posso che chiedermi oddio, come hanno potuto chiudere? Ma soprattutto, come hanno potuto arrivare alla quinta stagione prima di chiudere?
Su Hawaii 5-0 si può dire che ha tutta l'aria di essere un maldestro tentativo di fidanzamento forzato tra CSI Miami e NCIS.
Però, era notevole la verve dello speaker di Rai2, nel dire Hawaii 5-0: Auai Faiv Oooh!

...

  • Effetti speciali plasticosi: Being Human, La Spada della Verità
Aiuto aiuto.

Queste due serie dovrebbero essere portate come esempio pratico nelle scuole di regia, per illustrare l'apparentemente banale concetto che "ok, il fantasy tirerà anche tantissimo, ma non è che bisogna per forza fare fantasy".
Sono entrambe pacchianissime, ispiratrici di svariati «E quello dove l'hai trovato, nell'ovetto Kinder?», costellate di lupi mannari col pelo sintetico, fulmini in computer graphic, scintillare di canini di plastica e spadoni in carta stagnola.
A volte, una serie TV può essere così trash che non si riesce a non amarla.
Ecco, queste no.

Fenomenali poteri cosmici.

  • Effetti speciali ECCESSIVI: Squadra Speciale Cobra 11
Cool guys don't look at the explosions.

Serie TV tedesca (e già qui...). Ci sono due poliziotti della Stradale, uno turco e uno con i capelli piastrati; qualsiasi problema si risolve con un maxi inseguimento in macchina. Tipo così:

«Cosa possiamo fare per rinnovare il format?»
«PIÙ VOLI ACROBATICI E PIÙ ESPLOSIONI!11!1!!11»

Mi hanno segnalato che esiste addirittura una compilation delle sigle di tutte le stagioni su YouTube.
Comunque, lo sanno tutti che Squadra Speciale Cobra 11, in realtà, è finanziata totalmente dalle case automobilistiche tedesche, che la usano come crash test a lungo termine:

«Sì, ma la macchina è sicura? Li avete fatti i test?»
«Ne abbiamo data una in dotazione al set di Cobra 11»
«Ah, allora ok»
«Abbiamo un lievissimo problema con le esplosioni, ma niente di grave, non si preoccupi».


Forse, queste mie decise prese di posizione possono aver leso i gusti di qualcuno.
Be', ragazzi, io ho dovuto farmi andare bene che a Leo Ortolani sia piaciuto Prometeus.
(Leo, ti voglio bene lo stesso e ti leggo sempre, baci ♥)

Magari vi scrivo il sequel.
  

4 commenti:

Post a Comment