May the bridges I burn light the way


Outfit di Capodanno ispirati ai cassonetti della Caritas.


«Oddio, io stasera volevo mettere la tua stessa gonna. Punterò su altro.»
«Cazzo, scusa.»
«Solo perché sei tu non te la strapperò davanti a tutti.»

Brera vuota alle sette di sera e i fili di lucine e il porfido umido.
Stabili brutti con scritte al neon verde e porte di bagni che non si chiudono.
Macao. Due gin tonic a stomaco vuoto e un pavimento così... così... viscido.
Ma davvero niente male.
L'intonaco che si stacca e Kalashnikov di Goran Bregovic, Tainted Love dei Soft Cell.

Non sono morta. Non m'hanno rubato la macchina. Fico.

«Grazie per non avermi strappato la gonna a morsi, ché già era corta a sufficienza.»
«Solo per questa volta.»
«La prossima volta facciamo le gemelle Kessler.»
«Tipregosì.»

2 commenti:

Post a Comment