Chiedi alla polvere


Una sera me ne stavo a sedere sul letto della mia stanza d'albergo, a Bunker Hill, nel cuore di Los Angeles. Era un momento importante della mia vita; dovevo prendere una decisione nei confronti dell'albergo. O pagavo o me ne andavo: così diceva il biglietto che la padrona mi aveva infilato sotto la porta. Era un bel problema, degno della massima attenzione. Lo risolsi spegnendo la luce e andandomene a letto.Al mattino mi svegliai, decisi che avevo bisogno di un po' di esercizio fisico e cominciai subito. Feci parecchie flessioni, poi mi lavai i denti. Sentii in bocca il sapore del sangue, vidi che lo spazzolino era colorato di rosa, mi ricordai cosa diceva la pubblicità, e decisi di uscire a prendermi un caffè.
Ho voglia di scendere in strada e dare fuoco a una macchina, nello stesso tempo, non ho la forza di alzarmi e prendermi un bicchiere d'acqua.

Devo solo ricordarmi come si fa a respirare.

Ti voglio bene.
Mi prendi un bicchiere d'acqua?

0 commenti:

Post a Comment