I've got the moves like Jagger


Inizia con me che ritrovo nell'armadio un paio di pantaloni improbabili a righe nere e rosa cenere che ho comprato a diciotto anni. Mi stanno ancora.

«Giulia non c'è?»
«È in Croce»
«IN CROCE?»
«Eh, sì. In Croce Bianca. Dice se poi andiamo a trovarla»

Con i miei pantaloni a righe da Pagliaccio Baraldi ci esco veramente. Con gli stivali da motociclista.

«Allora, dopo venite? Ti devo vedere con i pantaloni a righe!»
«I've got the moves like Jagger, con questi pantaloni.»

Esterno, notte. Piove e ci perdiamo nella periferia milanese.

«Pronto? Ciao, Giulia. ARRIVIAMO! Mi ridici l'indirizzo? Ah, siamo a venti numeri da lì. Arriviamo»

Lasciamo l'ombrello in macchina.

«Quello è un palo?»
«Quello è un vaso di fiori»
«Quella è Giulia!»

Tra noi e lei c'è un praticello con le colline di Windows.

«Attenti alle cacche di cane»
«Attenti alle siringhe»
«Correte e basta»

«Ma io ho le All Star!»
«Anch'io!»
«Sfigati, io ho gli stivali! Su, correte!»

Loro, dopo, hanno le scarpe bagnate, io i denti di leone spappolati sopra.

Giulia ha i pantaloni arancio fosfo catarifrangenti, non ha le scarpe giuste e si è fatta due turni di notte e uno di giorno di fila, o una cosa così.
Restiamo con lei fino a che non arriva una chiamata. Piove.

«Di chi è stata l'idea di lasciare l'ombrello in macchina?»
«Mia»
«Brava»
«Voi due eravate d'accordo»

Giulia cambia le scarpe e va.

«Ma hai visto quanto sono brava e veloce a mettere le scarpe?»
«Tantissimo. Ti stavano lasciando lí. Però mi piacevano le calzine»
«Hai visto che tocco di classe le calzine antistupro? Sì, hai visto che simpatici quelli del mio equipaggio?»
«Attenta a cosa dici, che magari ti svegli con "mi piace il cazzo" scritto in fronte»
«Lo ben so, starò attenta. Mi preoccupa di più la torta nelle mutande. Bellissimi i pantaloni!»
«Comprati a 18 anni, non so a che pensavo. Ma sono perfetti per zampttare nei prati di notte»
«Mi sembrano un ottimo acquisto. Comunque ho appena finito quel servizio (che detto così sembra una cosa perversa)»
«Truculento?»
«Per niente. Speravo in qualche frattura sanguinolenta, ma niente»

Se vi fate male, insomma, siete in buone mani.


0 commenti:

Post a Comment