Trolley e C aspirata

//dominiclevitt//

Domani calerò implacabile su Firenze.
Domani, cioè oggi. Perché, in realtà, adesso è già domani.
Scusatemi, la smetto.
Firenze, dicevamo. Il regalo di Natale mio e dell'Ingegnere. Di Natale scorso.
Non vi fa molto Chiara Ferragni?
No, forse no.
Del resto, cinque minuti fa ero sdraiata sul mio ridottissimo trolley Easy Jet Approved per riuscire a chiuderlo, e scommetto che questo alla Ferragni non è mai successo.
Mi piace pensare che avevo la stessa posa della Paolina Bonaparte di Canova.
Questa volta, mi porto veramente l'essenziale, ma ormai il trolley non si vuole chiudere per partito preso.
Ha una crepa. Spero che non esploda.
Mi è già successo una volta di trovarmi con una valigia esplosa, e quella volta ho dato i numeri all'aeroporto di Alghero. Credo che si ricordino ancora tutti di me.
Adesso mi esercito un po' a dire la Coca Cola con la cannuccia corta corta, così, nel caso che io debba dare i numeri, li darò con la C aspirata.

5 commenti:

Post a Comment